Testi di autori ignoti

Non faccio immaginazioni di questo genere, perché non ne vedo l’utilità. Io tutti i giorni prendo in mano uno, due, tre testi di autori ignoti. Quasi tutti sono orrendi. Ma io ho fiducia. Mi è successo un certo numero di volte di incontrare testi veramente belli, non vedo perché non dovrebbe succedere altre volte. L’importante è conservare la propria disponibilità, tenere sempre viva l’attenzione. Sono un po’ preoccupato, perché la grande quantità di testi orrendi nei quali mi sono finora imbattuto sta cominciando a guastarmi. Non vorrei mai diventare cinico. Lo sono già diventato“.

Leggi tutta l’intervista a Giulio Mozzi sullo scouting editoriale su ilmiolibro.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...