Leggere o rileggere?

Mi capita spesso di pensare a tutti quei libri che vorrei rileggere. Ce ne sono alcuni che evito accuratamente di prendere in mano perché so che se lo facessi resterei intrappolato inesorabilmente. Libri che ho letteralmente divorato e ogni volta mi diverto e mi emoziono come se fosse la prima volta.

Eppure esistono così tanti libri che non ho ancora letto che ha senso “perdere” tempo per tornare a sfogliare pagine già lette? In alcuni casi rileggere è indispensabile dato che esistono alcuni libri non possono essere esauriti in un’unica lettura, ma nella maggiorparte dei casi si tratta, semplicemente, di piacere allo stato puro.

I problemi a questo punto sono fondamentalmente due: tempo e selezione.

Leggi tutto l’articolo nel blog di Sugarpulp

2 pensieri su “Leggere o rileggere?

  1. Ci sono libri che vale la pena rileggere… Nel mio caso, “Il giovane Holden” (letto a 12 anni, 20 e 30 (l’ultima lettura è stata una grande delusione)), “Alzate la trave, carpentieri e Seymour, un’introduzione” (12 e 30), “L’insostenibile leggerezza dell’essere” (16 e 28), “Pastorale americana” (35 e 39), “Cuore di tenebra” (30 e 41), “Ingenuo sentimentale amante” (26 e 38), “La spia perfetta” (26, 39).

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...